Il mondo della luna, Venezia, Zatta, 1794

 SCENA IX
 
 BUONAFEDE, poi LISETTA
 
 BUONAFEDE
 Se mandarla potessi
 nel mondo della luna, avrei speranza
 castigata veder la sua baldanza.
 LISETTA
 Serva, signor padrone.
 BUONAFEDE
                                            Addio Lisetta.
 LISETTA
395Vuol cenare?
 BUONAFEDE
                           È anco presto, aspetta un poco.
 LISETTA
 Ho posta già la panatella al foco.
 BUONAFEDE
 Brava, brava Lisetta! Oh se sapesti
 le belle cose che ho vedute!
 LISETTA
                                                    E cosa
 ha veduto di bello?
 BUONAFEDE
400Ho avuta la fortuna
 di mirar dentro al tondo della luna.
 LISETTA
 (Ecco la sua pazzia).
 BUONAFEDE
                                        Senti, può darsi...
 Sai che ti voglio ben, può darsi ancora,
 se tu mi sei fedel, se non ricusi
405di darmi un po' d'aiuto,
 ch'io ti faccia veder quel che ho veduto.
 LISETTA
 Sapete pur ch'io sono
 vostra serva fedele e, se mi lice,
 vostra tenera amante
410(invaghita però sol del contante).
 BUONAFEDE
 Quand'è così, mia cara,
 della ventura mia ti voglio a parte.
 Vedrai d'un uomo l'arte
 quanto può, quanto vale;
415le prodezze vedrai d'un canocchiale.
 LISETTA
 Vorrei che un canocchial si desse al mondo
 con cui vedeste il fondo
 del mio povero cor che sol per voi
 arde d'amore e fede.
420(Egli è pazzo da ver, se me lo crede).
 BUONAFEDE
 Per rimirar là dentro
 in quel tuo cor sincero
 serve di canocchial il mio pensiero.
 Vedo che mi vuoi bene,
425vedo che tu sei mia.
 LISETTA
 (Ma non vede che questa è una pazzia).
 BUONAFEDE
 Doman ti vuo' menar dal bravo astrologo,
 vedrai quel che si pratica lassù
 dalle donne da ben come sei tu.
 LISETTA
 
430   Una donna come me
 non vi fu né vi sarà;
 io son tutta amore e fé,
 io son tutta carità.
 Domandate a chi lo sa,
435sì ch'è vero ognun dirà.
 
    Io malizia in sen non ho,
 sono stata ognor così;
 poche volte dico no;
 quando posso, dico sì
440ma lo dico, già si sa,
 salva sempre l'onestà.