L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA VIII
 
 ARISTEA, MEGACLE e LICIDA
 
 Megacle
 Fra l'amico e l'amante
 che farò, sventurato!
 Licida
                                        (All'idol mio
 è tempo ch'io mi scuopra).
 Megacle
                                                   (Aspetta). Oh dio!
 Aristea
720Sposo, alla tua consorte
 non celar che t'affligge.
 Megacle
                                             (Oh pena! Oh morte!)
 Licida
 (L'amor mio, caro amico,
 non soffre indugio).
 Aristea
                                       Il tuo silenzio, o caro,
 mi cruccia, mi dispera.
 Megacle
                                             (Ardir, mio core.
725Finiamo di morir). Per pochi stanti
 allontanati, o prence.
 Licida
                                         E qual ragione...
 Megacle
 Va'. Fidati di me. Tutto conviene
 ch'io spieghi ad Aristea.
 Licida
                                               Ma non poss'io
 esser presente?
 Megacle
                                No, più che non credi
730delicato è l'impegno.
 Licida
                                         E ben. Tu 'l vuoi,
 io lo farò. Poco mi scosto. Un cenno
 basterà perch'io torni. Ah pensa, amico,
 di che parli e per chi. Se nulla mai
 feci per te, se mi sei grato e m'ami
735mostralo adesso. Alla tua fida aita
 la mia pace io commetto e la mia vita. (Parte)