Il mondo alla roversa o sia Le donne che comandano, Venezia, Savioli, 1770

 SCENA V
 
 AURORA, CINTIA e le donne tutte armate di strali ed aste corrono alla riva per arrestare i naviganti. Nell’uscire di dette donne s’ode dall’orchestra il suono di timpani e trombe che fa tacere il concerto della barca
 
 CINTIA
 Olà, voi che venite
 a questi del piacer lidi felici,
 dite, venite amici ovver nemici?
 FERRAMONTE (Dalla prora della barca)
 Amici, amici siamo.
690Da voi, belle, veniamo
 a domandar favori,
 a servire e goder de' vostri amori.
 CINTIA
 Quand'è così, scendete;
 e voi donne arrestateli
695e senza discrezione imprigionateli. (Sbarcano Ferramonte e tutti i naviganti; e frattanto si suona alternativamente nella barca e nella orchestra)
 AURORA
 (Più che s'accresce il regno,
 più in me cresce il desio di regnar sola).
 CINTIA
 Spiacemi che fra noi
 questi bei giovenotti
700divider ci conviene.
 Se sola regnerò starò più bene.
 CORO (In cui cantano anco Giacinto e Graziosino)
 
    Presto, presto, alla catena,
 alla nuova servitù,
 non fa scorno e non dà pena
705volontaria schiavitù. (Partono tutti fuorché Rinaldino e Ferramonte)