L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA III
 
 ARISTEA ed ARGENE
 
 Argene
540Ah dimmi, o principessa,
 v'è sotto il ciel chi possa dirsi, oh dio,
 più misera di me?
 Aristea
                                     Sì. Vi son io.
 Argene
 Ah non ti faccia amore
 provar mai le mie pene. Ah tu non sai
545qual perdita è la mia; quanto mi costa
 quel cor che tu m'involi.
 Aristea
                                               E tu non senti,
 non comprendi abbastanza i miei tormenti.
 
    Grandi, è ver, son le tue pene.
 Perdi, è ver, l'amato bene;
550ma sei tua; ma piangi intanto;
 ma domandi almen pietà.
 
    Io dal fato, io sono oppressa.
 Perdo altrui; perdo me stessa;
 né conservo almen del pianto
555l'infelice libertà.