L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA X
 
 ARISTEA e detto, poi ALCANDRO
 
 Aristea
 Stranier.
 Megacle
                    Chi mi sorprende?
 Aristea
                                                         Oh stelle!
 Megacle
                                                                             Oh dei!
 Aristea
 Megacle! Mia speranza!
 Ah, sei pur tu. Pur ti riveggo. Oh dio,
 di gioia io moro. Ed il mio petto a pena
430può alternare i respiri. Oh caro, oh tanto
 e sospirato e pianto
 e richiamato invano. Udisti alfine
 la povera Aristea. Tornasti e come
 opportuno tornasti! Oh amor pietoso!
435Oh felici martiri!
 Oh ben sparsi finor pianti e sospiri!
 Megacle
 (Che fiero caso è il mio!)
 Aristea
                                                Megacle amato
 e tu nulla rispondi?
 E taci ancor? Che mai vuol dir quel tanto
440cambiarti di color? Quel non mirarmi
 che timido e confuso? E quelle a forza
 lagrime trattenute? Ah più non sono
 forse la fiamma tua? Forse...
 Megacle
                                                      Che dici!
 Sempre... Sappi... Son io...
445Parlar non so. (Che fiero caso è il mio!)
 Aristea
 Ma tu mi fai gelar. Dimmi; non sai
 che per me qui si pugna?
 Megacle
                                                 Il so.
 Aristea
                                                             Non vieni
 ad esporti per me?
 Megacle
                                      Sì.
 Aristea
                                              Perché mai
 dunque sei così mesto?
 Megacle
450Perché... Barbari dei! (Che inferno è questo!)
 Aristea
 Intendo. Alcun ti fece
 dubitar di mia fé. Se ciò t'affanna,
 ingiusto sei. Da che partisti, o caro,
 non son rea d'un pensier. Sempre m'intesi
455la tua voce nell'alma. Ho sempre avuto
 il tuo nome fra' labbri,
 il tuo volto nel cor. Mai d'altri accesa
 non fui, non sono e non sarò. Vorrei...
 Megacle
 Basta. Lo so.
 Aristea
                          Vorrei morir più tosto
460che mancarti di fede un sol momento.
 Megacle
 (Oh tormento maggior d'ogni tormento!)
 Aristea
 Ma guardami, ma parla
 ma di'...
 Megacle
                   Che posso dir?
 Alcandro
                                                Signor, t'affretta
 se a combatter venisti. Il segno è dato
465che al gran cimento i concorrenti invita.
 Megacle
 Assistetemi, o numi. Addio, mia vita.
 Aristea
 E mi lasci così? Va', ti perdono
 pur che torni mio sposo.
 Megacle
                                               Ah sì gran sorte
 non è per me.
 Aristea
                             Senti. Tu m'ami ancora?
 Megacle
470Quanto l'anima mia.
 Aristea
                                         Fedel mi credi?
 Megacle
 Sì, come bella.
 Aristea
                              A conquistar mi vai?
 Megacle
 Lo bramo almeno.
 Aristea
                                    Il tuo valor primiero
 hai pur?
 Megacle
                   Lo credo.
 Aristea
                                      E vincerai?
 Megacle
                                                             Lo spero.
 Aristea
 Dunque allor non son io,
475caro, la sposa tua?
 Megacle
                                    Mia vita... Addio.
 
    Ne' giorni tuoi felici
 ricordati di me.
 
 Aristea
 
    Perché così mi dici,
 anima mia, perché?
 
 Megacle
 
480   Taci, bell'idol mio.
 
 Aristea
 
 Parla, mio dolce amor.
 
 Megacle, Aristea a due
 
 Ah che parlando
                                 oh dio
 Ah che tacendo
 tu mi trafiggi il cor.
 
 Aristea
 
    Veggio languir chi adoro
485né intendo il suo languir!
 
 Megacle
 
    Di gelosia mi moro
 e non lo posso dir!
 
 a due
 
    Chi mai provò di questo
 affanno più funesto,
490più barbaro dolor?
 
 Fine dell’atto primo