L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA VIII
 
 LICIDA e MEGACLE da diverse parti
 
 Megacle
 Licida.
 Licida
                Amico.
 Megacle
                                Eccomi a te.
 Licida
                                                         Compisti...
 Megacle
 Tutto, o signor. Già col tuo nome al tempio
 per te mi presentai. Per te fra poco
320vado al cimento. Or fin che 'l noto segno
 della pugna si dia, spiegar mi puoi
 la cagion della trama.
 Licida
                                          Oh, se tu vinci
 non ha di me più fortunato amante
 tutto il regno d'amor.
 Megacle
                                          Perché?
 Licida
                                                           Promessa
325in premio al vincitore
 è una real beltà. La vidi appena
 che n'arsi e la bramai. Ma poco esperto
 negli atletici studi...
 Megacle
                                       Intendo. Io deggio
 conquistarla per te.
 Licida
                                      Sì. Chiedi poi
330la mia vita, il mio sangue, il regno mio,
 tutto, o Megacle amato, io t'offro e tutto
 scarso premio sarà.
 Megacle
                                      Di tanti, o prence,
 stimoli non fa d'uopo
 al grato servo, al fido amico. Io sono
335memore assai de' doni tuoi; rammento
 la vita che mi desti. Avrai la sposa;
 speralo pur. Nella palestra elea
 non entro pellegrin. Bevve altre volte
 i miei sudori. Ed il silvestre ulivo
340non è per la mia fronte
 un insolito fregio. Io più sicuro
 mai di vincer non fui. Desio d'onore,
 stimoli d'amistà mi fan più forte.
 Anello, anzi mi sembra
345d'esser già nell'agon. Gl'emuli al fianco
 mi sento già, già gli precorro e asperso
 dell'olimpica polve il crine, il volto
 del volgo spettator gl'applausi ascolto.
 Licida
 Oh dolce amico! O cara
350sospirata Aristea!
 Megacle
                                   Che?
 Licida
                                               Chiamo a nome
 il mio tesoro.
 Megacle
                           Ed Aristea si chiama?
 Licida
 Appunto.
 Megacle
                     Altro ne sai?
 Licida
                                              Presso a Corinto
 nacque in riva all'Asopo. Al re Clistene
 unica prole.
 Megacle
                         (Aimè. Questa è il mio bene).
355E per lei si combatte?
 Licida
 Per lei.
 Megacle
                 Questa degg'io
 conquistarti pugnando?
 Licida
 Questa.
 Megacle
                  Ed è tua speranza e tuo conforto
 sola Aristea?
 Licida
                           Sola Aristea.
 Megacle
                                                    (Son morto).
 Licida
360Non ti stupir. Quando vedrai quel volto
 forse mi scuserai. D'esserne amanti
 non avrebbon rossore i numi istessi.
 Megacle
 (Ah così nol sapessi).
 Licida
                                         Oh se tu vinci!
 Chi più lieto di me? Megacle istesso
365quanto mai ne godrà! Di', non avrai
 piacer del piacer mio?
 Megacle
                                            Grande.
 Licida
                                                              Il momento
 che ad Aristea m'annodi,
 Megacle di', non ti parrà felice?
 Megacle
 Felicissimo. (Oh dei!)
 Licida
                                           Tu non vorrai
370pronubo accompagnarmi
 al talamo nuzzial?
 Megacle
                                    (Che pena!)
 Licida
                                                             Parla.
 Megacle
 Sì. Come vuoi. (Qual nuova spezie è questa
 di martirio, d'inferno!)
 Licida
                                             Oh quanto il giorno
 lungo è per me! Che l'aspettare uccida
375nel caso in cui mi vedo,
 tu non credi o non sai.
 Megacle
                                           Lo so; lo credo.
 Licida
 Senti amico. Io mi fingo
 già l'avvenir, già col desio possiedo
 la dolce sposa.
 Megacle
                             (Ah questo è troppo).
 Licida
                                                                      E parmi...
 Megacle
380Ma taci. Assai dicesti. Amico io sono,
 il mio dover comprendo
 ma poi...
 Licida
                    Perché ti sdegni? In che t'offendo?
 Megacle
 (Imprudente, che feci!) Il mio trasporto
 è desio di servirti. Io stanco arrivo
385dal cammin lungo; ho da pugnar; mi resta
 picciol tempo al riposo e tu mel togli.
 Licida
 E chi mai ti ritenne
 di spiegarti finora?
 Megacle
                                      Il mio rispetto.
 Licida
 Vuoi dunque riposar?
 Megacle
                                           Sì.
 Licida
                                                   Brami altrove
390meco venir?
 Megacle
                          No.
 Licida
                                    Rimaner ti piace
 qui fra quest'ombre?
 Megacle
                                          Sì.
 Licida
                                                  Restar degg'io?
 Megacle
 No.
 Licida
           (Strana voglia!) E ben, riposa. Addio.
 
    Io ti lascio. Dormi in pace
 di quest'aure al mormorio.
395Riposar potessi anch'io!
 Ma riposo amor non dà.
 
    Se d'amor l'ardente face
 ti riscalda un giorno il petto,
 tu saprai qual è il diletto
400che il crudel provar ci fa.