L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA II
 
 MEGACLE e detti
 
 Megacle
                                           Megacle è teco.
 Licida
 Giusti dei!
 Megacle
                       Prence.
 Licida
                                       Amico.
65Vieni vieni al mio seno. Ecco risorta
 la mia speme cadente.
 Megacle
                                            E sarà vero
 che il ciel m'offra una volta
 la via d'esserti grato?
 Licida
                                          E pace e vita
 tu puoi darmi se vuoi.
 Megacle
                                           Come?
 Licida
                                                           Pugnando
70nell'olimpico agone
 per me, col nome mio.
 Megacle
                                            Ma tu non sei
 noto in Elide ancor?
 Licida
                                        No.
 Megacle
                                                  Quale oggetto
 ha questa trama?
 Licida
                                   Il mio riposo. Oh dio!
 Non perdiamo i momenti. Appunto è l'ora
75che de' rivali atleti
 si raccolgono i nomi. Ah! Vola al tempio,
 di' che Licida sei. La tua venuta
 inutile sarà, se più soggiorni.
 Vanne. Tutto saprai, quando ritorni.
 Megacle
 
80   Superbo di me stesso
 andrò, portando in fronte
 quel caro nome impresso
 come mi sta nel cor.
 
    Dirà la Grecia poi
85che fur communi a noi
 l'opre, i pensier, gli affetti
 e alfine i nomi ancor.