L’olimpiade, Venezia, Rossetti, 1738

Assente nell'edizione Zatta Frontespizio
 SCENA PRIMA
 
 Fondo selvoso di cupa ed angusta valle.
 
 LICIDA e AMINTA
 
 Licida
 Ho risoluto, Aminta;
 più consiglio non vuo'.
 Aminta
                                            Licida, ascolta.
 Deh modera una volta
 questo tuo violento
5spirito intolerante.
 Licida
                                     E in chi poss'io
 fuor che in me più sperar? Megacle istesso,
 Megacle m'abbandona
 nel bisogno maggior! Or va', riposa
 sulla fé d'un amico.
 Aminta
                                      Ancor non dei
10condannarlo però. Breve cammino
 non è quel che divide
 Elide, in cui noi siamo,
 da Creta, ov'ei restò. L'ali alle piante
 non ha Megacle alfin. Forse il tuo servo
15subito nol rinvenne. Il mar frapposto
 forse ritarda il suo venir. T'accheta;
 in tempo giugnerà. Prescritta è l'ora
 agli olimpici giuochi
 oltre il meriggio ed or non è l'aurora.
 Licida
20Sai pur che ogniun che aspiri
 all'olimpica palma or sul mattino
 dee presentarsi al tempio? Il grado, il nome,
 la patria palesar? Di Giove all'ara
 giurar di non valersi
25di frode nel cimento?
 Aminta
                                          Il so.
 Licida
                                                      T'è noto
 ch'escluso è dalla pugna
 chi quest'atto solenne
 giugne tardi a compir? Vedi la schiera
 de' concorrenti atleti? Odi il festivo
30tumulto pastoral? Dunque che deggio
 attender più? Che più sperar?
 Aminta
                                                          Ma quale
 sarebbe il tuo disegno?
 Licida
                                             All'ara innanzi
 presentarmi con gli altri.
 Aminta
                                                E poi?
 Licida
                                                               Con gli altri
 a suo tempo pugnar.
 Aminta
                                        Tu!
 Licida
                                                 Sì, non credi
35in me valor che basti?
 Aminta
                                           Eh, qui non giova,
 prence, il saper come si tratti il brando.
 Altra spezie di guerra, altr'armi ed altri
 studi son questi. Ignoti nomi a noi
 cesto, disco, palestra; a' tuoi rivali
40per lung'uso son tutti
 familiari esercizi. Al primo incontro
 del giovanile ardire
 ti potresti pentir.
 Licida
                                   Se fosse a tempo
 Megacle giunto a tai contese esperto,
45pugnato avria per me. Ma s'ei non viene
 che far degg'io? Non si contrasta, Aminta,
 oggi in Olimpia del selvaggio ulivo
 la solita corona. Al vincitore
 sarà premio Aristea, figlia reale
50dell'invitto Clistene, onor primiero
 delle greche sembianze, unica e bella
 fiamma di questo cor, benché novella.
 Aminta
 Ed Argene?
 Licida
                         Ed Argene
 più riveder non spero. Amor non vive
55quando muor la speranza.
 Aminta
                                                  E pur giurasti
 tante volte...
 Licida
                          T'intendo. In queste fole,
 finché l'ora trascorra,
 trattener mi vorresti. Addio.
 Aminta
                                                      Ma senti.
 Licida
 No, no.
 Aminta
                 Vedi che giunge...
 Licida
                                                    Chi?
 Aminta
                                                                Megacle.
 Licida
60Dov'è?
 Aminta
                 Fra quelle piante.
 Parmi... No... Non è desso.
 Licida
                                                  Ah, mi deridi
 e lo merito, Aminta. Io fui sì cieco
 che in Megacle sperai.