Metrica: interrogazione
64 tronchi in La notte critica Venezia, Fenzo, 1766  (recitativo) 
                       State zitto... Eh ehm.
                                                               Eh ehm.
                                 Non partirò.
(Questa volta, briccon, ti burlerò).
Mi par d'aver sentito... Chi va là?
la grazia, la modestia e la beltà...
                                              Dov'è?
Aspettate un pochin, ritornerò.
(Qual impiccio sia questo io non lo so).
Sia quel ch'esser si vuole, aspetterò
                                            (Eccole qui,
La scala leverò, (Leva pian piano la scala e con essa parte)
troverò della gente e tornerò.
che le chiavi son doppie e niuno sa
che io le abbia in mio potere... Eccole qua
                   Non m'inganno?
                                                    Adesso no.
Aspettate, aspettate, io v'aprirò. (Apre la porta)
                                       Di me? Perché?
                                       Pazienza, andrò.
Mi sento illanguidir ma soffrirò.
che gli ho aperta la porta ed or vien su.
                                      Non posso più. (Affannata)
                                Dico di sì.
                                Basta così.
                                   Davver? (A Leandro)
                                                     Signora sì. (A Dorina)
Principiamo da questo... Eccolo qui.
                                              In verità
                                             Le dirò...
                                              Signorsì.
                                       Eccolo qui.
di tanti complimenti. Andrò da me.
(Oh maledetto amor, soffro per te). (Entra nel gabinetto e chiudono)
Andate... che per ber... (Agli uomini che gli dimandano pagamento)
Non ritrovo la porta, eccola qua. (Apre la porta in cui sta Fabrizio)
lascio aperta la porta e tornerò. (Fabrizio entra e si chiude entro)
ho trovato la porta. Eh ehm eh ehm.
Pazienza! Se non bevo mangierò. (Cerca la porta)
Ecco una porta; dove sia non so,
per celarmi a chi vien m'asconderò.
                                    (Mio padre è qui). (Timorosa)
ma da voi vuo' saper la verità.
                                             Signorsì.
                                           Nobile.
                                                           (Affé
                                 Perché... (Con timore)
                                             No di me. (Vergognandosi)
S'è ricco, signorsì, l'accorderò
                          Chi è?
                                      No.
                                                Perché?
Perché amor più non voglio aver per te.
ma a queste condizion nol troverò.
voi farete per me la sicurtà. (A Leandro)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8