Metrica: interrogazione
106 tronchi in Filosofia ed amore Venezia, Fenzo, 1760  (recitativo) 
Disgraziati, l'avrete a far con me.
Voi l'adorate ed io la venderò.
                                Perché...
                                         Oh bella affé!
Tutto, tutto per voi, niente per me?
                                        Eccomi qui.
Vorrei che foste dove nasce il dì.
                                          Anche di più?
Brava, signora sposa, in verità.
(Diamine! Non vorrei...) Che importa a me
della femmina un giorno anch'io dirò.
                                               Signor no.
                                    Signor no.
                                   Mi proverò.
                                   Oh signor no.
                                       Io non lo so.
                                             Signor no.
Ditemi s'ella è qui per carità.
che in questa guisa ne averete tre.
                                         Eh già lo so
e sapienti e felici io vi farò.
                                      Ascolterò.
ma voglio in premio la mia libertà.
Egli teme a ragion, perché non sa
qual sia del mio cervel l'abilità.
                                    Leonzio qui?
quando tempo sarà, ve lo dirò.
                                       Sì, lo farò.
Bravo, vorresti dir dunque perciò
ch'io son bellina ma cervel non ho?
la schiava Cloridea sposar potrà.
Oh poverina me! (Vedendo Menalippe si ferma)
Non vuo' sentirmi a contradir così.
(Oh in avvenir sempre dirò di sì).
                Signora sì.
                                               Io non lo so.
                                Dirò così...
                            Signora sì. (Tremando)
                                     Signora sì.
                   Signora sì.
                                           Signora sì.
                                        Per carità...
(Compatisco la sua semplicità).
prenderesti una sposa?) (A Rapa)
                                               (E perché no?) (A Menalippe)
(Se Merlina ti piace, io te la do).
accettarlo vorresti? (A Merlina)
                                      (Ora non so
se risponder degg'io di sì o di no). (Da sé)
dar gli devi la mano in questo dì.
                                    Dirò di sì.
                                Quand'è così,
Tu mi sgridi a ragion. Son qui, farò
tutto quello che vuoi; non mi opporò.
Non parlate con tanta inciviltà.
sia burlata e scoperta in questo dì
che tu segua ad amarla. (A Merlina)
                                              Se è così
pecchi un po' troppo di semplicità.
Vada l'ingrata; io non la voglio più;

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8