Metrica: interrogazione
91 tronchi in La ritornata di Londra Venezia, Geremia, 1756  (recitativo) 
                          Nol so.
                                             (Quando sen va?) (Da sé)
Poscia quando egli parte io tornerò). (Da sé)
Ditemi; vi ho capito? (Dandole una moneta)
                                          Signorsì. (Prende la moneta ridendo)
una buona occasione è ancor per me.
che in voi la gelosia più non vedrò.
Ho appreso in Londra a ragionar così.
                                                   Si vedrà.
                                    Di restar qua.
                                Anzi.
                                            Mi par di no. (S’alza)
L’aggradimento mio vi mostrerò. (S’alza)
                                             Io non lo so.
              Come si sta? (A madama)
                                        Così e così.
Siete in buona salute? (A Carpofero)
                                           Signorsì.
se mi dite di lui la verità. (Le offre una moneta)
per destare l’invidia in chi non ha.
                                        Parla, dov’è?
                                                 Ed egli no?
(Gradite un poco più). (Piano a madama)
                                            (Briccone). (Piano a Carpofero)
                                                                   (A me?)
tratto con un po’ più di civiltà,
                                        Forse... Chi sa?
Ma poi, quando mi parla, io casco giù.
a riceverla andrò. (In atto di partire)
Eh! Non la troverete. (Lo trattiene)
                                         E perché no?
                                             Eccomi qui.
                               La prenderò da me. (Va a pigliar la sedia)
(Posso soffrir di peggio in questo dì!)
(Fin che sarai geloso andrà così).
(Eh lasciatelo andar). (Piano a madama)
                                          Portate qui
                                     Signora sì. (Va a prenderla dal tavolino)
(Ma quando se ne va?) (Piano a madama)
                                             Che fate qui? (A Carpofero)
                                   Signor no.
                                   Signorsì.
(Siete geloso ancor?) (Piano a Carpofero)
                                         (Geloso? Oibò). (Piano a madama)
                                                A voi le do.
L’ho con chi l’ho; non mi seccate più. (Parte)
quel che dal di lei cuor sperar si può.
si ricordi, signor, come si fa. (Parte)
                                               Bien oblisé.
Je me porte troe bien, mon cher monsieur.
                                          Si vu plé,
monsieur Trippon, chanté. (A Carpofero)
                                   Lo lascio qui.
                                           Oh questo no.