Metrica: interrogazione
75 tronchi in Il povero superbo Venezia, Fenzo, 1755  (recitativo) 
                                      Per nobiltà
                            (Oh poveretto me!) (Con timore)
alla salute sua. (Beve) Or me ne vo
e quando chiamerà ritornerò.
Non mi sturbate, or or ci pensarò...
                       Venga avanti e lo vedrò.
D’esser vostro madama io penserò.
                                       Rissolverò.
                                                  Si penserà.
voi mi direte: «Madamina sì».
voglio lor insegnar la civiltà.
                                    Troppa bontà.
                                        Vi dirò.
                                         E perché no.
                                   Lo trovarò.
                                               Signor son qui.
                       Che ha detto?
                                                   Ha detto sì.
                                      Ascolterò.
                 Signorsì
e voi potreste poi lasciarmi qui?
Sarà la vostra sorte... Sì sarà...
Deh lasciatemi star per carità. (Parte)
Bene ho inteso. Madama io penserò.
un onor così grande egli mi fa;
del resto un tal signor di qualità
                                      Io non lo so.
Mi par che venne per sposarsi a me.
                                               Io non lo so,
secondo l’occasione io crederò.
con un cinque per cento io pagherò.
                        Li darà, sì li darà.
                                            Eccolo qui.
                       (Oh buona affé!)
(Lasciate fare a me). (Piano a Pancrazio)
                          (Se n’andrà). (Come sopra)
                                                     (Confido in te). (Come sopra)
              Così e così.
               Un poco più.
Vado a far preparar? (A Pancrazio)
                                         Pensaci tu.
di quel che s’è discorso appunto qua.
Non mi ricordo niente in verità.
Sì... No... Così e così... Ci penserò.
che lasciato una volta in libertà
Affrettiamoci un po’ per carità.