Metrica: interrogazione
52 tronchi in Li matti per amore Venezia, Fenzo, 1754  (recitativo) 
Che pacienza?... Io farò... farò... farò...
                                        Ah! Non lo so. (Smaniando per la scena)
                                         Dammelo qua. (Gli leva il zecchino di mano)
Questa incognita bella amar io vo’
e se non l’ho veduta or la vedrò.
E così mio signor? (S’accosta a Fazio sorridendo graziosamente)
                                     Cioè...
                                                   Cioè.
                         Perché?
                                                E signorsì.
                                                 Anzi quel dì.
                                      Genova! Oibò!
                            Non so.
                                          Ecco la fé.
cioè tra il sì e il no, tra il no e il sì.
e ti maledirò la notte e il dì.
                         Cioè...
Or che mi dici tu? Di sì... o di no (Al servitore)
alla statura, al brio... Dico... cioè... (Ad Eugenia)
Io la soccorerò... Voi state là.
                                Oibò.
Nulla intender potei... E tu... cioè...
                                        E poi cioè?...
(Ma se tutto non sento, io morirò). (Via)
che non l’ama il mio cor né l’amerà.
                                       Sì v’amerò.
                    Signorsì...
                   Signor no...
                                      Cosa vi fo,
                                         Or vel dirò.
tutto il sangue scaldar; cioè, cioè,
vorrei dir cento cose e non so che.
non sognò mai d’amar tanti cioè...
                                        Oh signor no.