Metrica: interrogazione
44 sdruccioli in Li matti per amore Venezia, Fenzo, 1754  (recitativo) 
di chi mi sprezza e non mi stima un cavolo.
Manca costei per farmi dar al diavolo.
Tu lavi il capo all’asino (Al servo)
Perché... senti... quest’asino
la bella mia, cioè la mia bellissima? (Salutando)
Umilmente m’inchino a vossustrissima.
cioè tutto il contrario... Orsù via rompiti
                                   Sì ben lo merita;
                                                 Uh che sproposito!
non uscite dal manico. (Con smania fra sé)
                                Oh il fistolo
                                        Io no.
                                                     Possibile?
appuntato, tornato... Eugenia eccetera,
                                       Finiamo subito.
                                          Anzi belissima.
                                           Andate al diavolo,
chi cuccir vuol la bocca ad una femmina.
Saldi in guardia... Via sbraccia... Ah! Eh! Bravissimo.
cioè tutte le adoro. Ella è da ridere.
                 Signora mia...
                                             Disse benissimo
                                                  Verissimo.
ch’io narrai per mio spasso a vossustrissima.