Metrica: interrogazione
49 tronchi in Griselda Venezia, Rossetti, 1735  (pezzi chiusi) 
ch’è cagion del mio penar.
spera ch’il fato si cangierà.
già s’aspetta naufraggar.
   No, non tanta crudeltà. (Ad Ottone)
Deh ti muova almen pietà (A Corrado)
il folgore dal ciel. (Ai due)
sì lo sarai crudel. (A Corrado)
volontario si lascia piagar.
saltellando sovente abbrucciar.
col suo duolo ancor non sa. (Partono tutti fuor che Griselda)
Dona alla misera qualche pietà,
che ben lo merta sua fedeltà.
Guardami e trema; sono il tuo re.
Che ria sentenza! Che fier dolor!
Che gran violenza sento al mio cor.
Variano i fati, varia l’amor.
forse il fato cangiarsi potrà.
che felice il mio cor riderà. (Parte con Corrado)