Metrica: interrogazione
154 tronchi in La bella verità Bologna, Sassi, 1762  (pezzi chiusi) 
non si spezzi lo stral che li ferì.
Non voglio più impazzar. (Parte)
la cagna vuol brancar. (Torna il servitore)
s’abbia il fato un dì a cangiar. (Parte)
quando salva è l’onestà. (Parte)
né lo possiamo dissimular. (Parte)
ma spennacchiato un po’. (Parte)
Ragioni son queste che fan sbalordir.
Che libro? Che scene? Vuol esser tuppè.
Che studio? Che prove? Carteggio ci vuol.
Che do re mi sol? Che sol fa mi re?
la novità. (Vengono degli uomini con due vestiti da donna)
                              Quest’è per me?
Questo straccio che cos’è? (Forte con del rumore)
                               Così è.
Non lo voglio, signor no. (Gettano i vestiti in terra)
S’han le donne a contentar. (A Tolomeo)
anche questa convien far. (A Tolomeo)
non mi fate lagrimar. (A Tolomeo)
   Serva sua. (In atto di partire)
                         Dove sen va?
                    Si fermi qua.