Metrica: interrogazione
384 settenari (recitativo) in La cameriera spiritosa Milano, Bianchi, 1766 
                     Mi comandi.
Verrà, verrà purtroppo. (Alzandosi)
Purtroppo? (Alzandosi ancor essa con ammirazione)
                        Sì purtroppo.
                  Sì, ho sentito,
del segreto s'accorge, (Sempre con foco)
                       Presto, presto.
tenete un picciol pegno... (Le dà una tabacchiera)
mai più di queste azioni. (Finge di dare la tabachiera a Marianna e se la mette in tasca non veduta dal cavaliere)
              Da dove viene?
                      Torino
                        Mi piace
                                    Venite
Presto, presto, signora, (Leva a Marianna il grembiale con fretta)
Eccolo qui; vi prego (Osservando fra le scene)
                            Venite.
               Chi domandate?
dalla sua gentilezza. (Assai disinvolta)
                       Alla sposa.
                Oh sono belle,
                          Lucrezia.
                    Ah... Ah... Scherzate. (Ridendo)
Il cavalier! Su via (A Bertolina correndo per portare una sedia)
Disgrazia maledetta. (Finge di aver stracciato il grembiale e se lo leva in fretta)
Dov'è rotto? (Osservando se vede lo stracciato)
                          Osservate. (Ne straccia un pezzo in qualche parte)
A riveder ritorno (Brillante senza veder il conte)
O cavalier. (Accorgendosi ch’egli è, lo chiama)
                       Perdono. (Si volta impettuosamente e corre da lui)
Non vo' rimproverarvi. (Scherzando per averlo veduto vicino a Lucrezia e passa nel mezzo)
Signor mi conoscete? (Gravemente con riverenza al conte)
         Chi dunque? Voi stessa,
                        (Lucrezia
                Voi lascierete
                 Non mi obbligate
                Sì, da sé stessa
              (Son fuor di me).
(Son perduto). (Si alza dal tavolino)
                              Lasciate
                          Non è egli
                                      Che importa,
Fin qua glielo concedo. (Al cavaliere)
                 (Oh cieli!) (Da sé)
                                       (Oh paura). (Piano a Lucrezia)
                           L'impegno,
                                   (Cosa
              (Non so che dir).
                   Ve lo domanda. (Al conte)
                       Vi scongiura.
                                 Leandro
                                      Su via
                         Che serve
                      E pensate
la signora padrona, (Affetta di dir forte per Pasquino)
Sentite. (Lo tira in disparte) Con licenza. (A Bertolina)
Son qui, non sospettate; (A Bertolina)
non vi conosco affé. (Lucrezia fa cenno che conosce lui, poi sospira)
                 Perché son certo
non temete di nulla, (Verso la scena)
E poi sia vostro impegno (Al cavaliere)
                          Mia cara,
                              Con lei.
                 State zitto.

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8