Metrica: interrogazione
395 settenari (recitativo) in La cascina Venezia, Geremia, 1756 
                         Ho sentito.
Li ho intesi i bricconcelli.
Buongiorno, Cecca bella. (Accostandosi alla Cecca)
                 (Non mi risponde). (A Berto)
(Segui, risponderà). (A Pippo)
                                  Osserva.
Io lo farò... se vuoi... (Alla Lena)
                    Pippo, intendi?
vuol farmi disperare). (Da sé)
che ti vuol bene assai). (Piano alla Lena)
                    La padrona
                            Vuoi altro?
                       Soli.
(Fremo di gelosia). (Da sé)
                Sei nell'età;
(Chi è questo sol sì bello
                        Credetelo,
Tu qui lavorerai. (Assegna il loco alla Lena)
proprio il mio cuor contento.
Vi domando perdono. (Mortificata)
(Pippo mi fa pietà). (Da sé)
                              Ah no,
vuol far con tutte il bello,
A rintracciarla andrò! (In atto di partire)
(Dice davver costui). (Da sé)
                 Perché l'è noto
ti voglio soddisfare. (S’alza e presenta il bicchiere a Pippo)
                     Sempre piange
(Questi è quel dell'anello). (Alla Cecca)
(Uno anch'io ne vorrei). (Alla Lena)
Anch'io vuo' fare un brindisi.
Restate, io vado via. (S’alza)
                  Poverino!
                      No, né meno.
                 Perché venuto
                 Quello.
                                 Egli è il moro?
                 Perché il briccone
Sposarvi? Egli è un imbroglio.
                Pronto sono
Grazie a lei dell'avviso. (Verso la scena di dove entrò il conte)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8