Metrica: interrogazione
391 settenari (recitativo) in Lo speziale Venezia, Fenzo, 1754 
Chi è qui? Si può venirne?
non ho neanche un quattrino
Giacché non v'è il padrone
Ehi signor, questa china...
                   Non lo senti?
                           Non senti?
Or mi viene in pensiero...
                     Che vuole?
(Oh la peste è un gran male!)
            Cosa volete?
                   Qualche cosa.
Questa è una nuova grande,
            Non abbiate fretta.
                    Sì signore.
Questa è un'altra ricetta,
deve il medicamento? (A Lucindo)
per chi voi la prendete? (A Volpino)
                    Non arrossite.
                         Grilletta
                     Già so tutto,
                     Siete matto?
                 Perché sapete
Egli è ben sciocco e tondo,
Non vorrei che l'imbroglio...
                Del mio padrone.
                    E se il bastone...
Lascia sentir. (Tasta il polso a Mengone)
                            Sentite.
tra il Levante e il Ponente.
quelle pome pistate (A Mengone)
                   Sappia dunque
                 Francamente
                    Padron mio
            In una parola,
Lucindo vi aspettava (Ad Albina)
                       Non partite.
                           Udite.
               E che per questo?
                   Ma poi che cosa?
                  Sì dicevi
                     Compatisco
                         Ho sentito,
                             Saprei
(Ho inteso quanto basta). (Da sé)
                         Ho sentito
                 Ma lei ti piace.
                         Ho creduto
                 Alfine ingrato,
           Vi sembra forse
                                  Dica
Chi è lei? (Vedendo Mengone)
                     Sono il notaro.
se vuole il ciel che ottenga
                    Non ho tempo.
                  Mi lasci stare.
                  Ma se i Turchi
Se la burla ha il suo effetto
portatemi rispetto. (A Mengone)
                  Per cagion vostra
                                Pazienza.
Maledetta fortuna! (Getta il nastro per terra)
Se voler porger mano. (Accenna Albina)

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8