Metrica: interrogazione
675 endecasillabi (recitativo) in De gustibus non est disputandum Venezia, Fenzo, 1754 
                                         Alcuni versi
non è bel quel ch'è bel ma quel che piace».
Ciascheduno ha il suo gusto. Io pure ho il mio.
                                           Anche il mio genio
più d'una cosa che d'un'altra è amico.
Ho il mio gusto ancor io ma non lo dico.
del suo gusto parzial, li legga e canti. (Dà un foglio ad Artimisia. Tutti s’alzano, ripeton la canzona sudetta; indi partono tutti fuorché Artimisia e Rosalba)
che il non farsi pagar sia un'increanza.
Non so dir per qual cosa io senta affetto.
                                         È il mio tutto all'apposto.
E se pianger lo vedo? È il re dei gusti.
non so dir, non so dir quel ch'io farei.
e ad ogni ingannator pronto ho un inganno.
                                       E chi l'ha fatto?
sono andato in cucina e ho fatto il cuoco.
siete per quel che sento un bel mangione.
                           Qual è?
                                            Far all'amore.
ed ei pensa al prosciutto ed al vitello?
                                               Sì, cieco tanto
                                       Ah no, mi piace
                                      Ve l'assicuro.
(S'altro lume non hai, resti all'oscuro).
                                              Ah sì, v'adoro.
                                       Morir più tosto
                                      No, vi prometto...
                     Che mai?
                                         Di mangiar poco.
è inutile il giurar, vano è l'affetto.
                                     Sì, lo prometto.
ma ho piacere anche a lui di dar tormento.
                                      Che bella grazia!
                                         No, non è vero.
                                       Sì, son quella.
                                   Chi sono?
                                                        Un'ombra.
spiran fuoco, egli è ver, ma non d'inferno.
                                           Esaminate
                                       (Lo credo anch'io).
                                    Voi non m'amate.
Stelle! Per qual ragion dite voi questo?
Perché un vero amator deve esser mesto.
è pur quel che diletta, è quel che piace.
trattenga il riso e la mestizia affetti?
                                               Comandate.
                                               Anzi bellissimi.
                                      Eccoli.
                                                     (Parmi
Leggerli non vorrei... Ma far nol posso).
                                 Stile che invero
«Se d'un paio di nozze amor sei vaggo...»
                                              (Il cavaliere
                  Oh che piacer!
                                               Sentite il resto.
                                        (Eccola qui).
                                              È un madrigale
                          Non ha in bellezza eguale.
                                       Costei m'uccide.
                                          Eh seguitate.
(Fra il diletto e il timor confuso io sono).
                  Sì, da capo principiamo.
«Se d'un paio di nozze amor sei vago».
                                  (Che bello spasso!
                                        Il cavaliere,
non so dire perché, non par più quello.
Nol sapete? Il meschin perso ha il cervello.
                                     Nol sapevate? (A Celindo)
non è vero ch'io l'ami. Anzi per questo
                                     Niente nipote.
                                          Ah traditore.
Io l'intendo, lo so. Lo sa il mio cuore.
                                        Se ver non fosse
che all'ingrata mia zia serbaste affetto,
                                   Ma, ve lo giuro,
                                           Taci spergiuro.
gli accenti del mio ben m'hanno stordito.
quai detti pronunciò? Mi ama ella dunque,
                                    V'invito al gioco.
                                            Io non pretendo
                                         (Oh che tormento!)
                                        Ma se vi dico...
                                            Ora non posso.
che vi opprima il cordoglio e non sia poco.
Sì l'affanno mi opprime. Erminia, oh dio!
                               Credetemi che il gioco
io sono al tavolier, mi scordo a un tratto
non le feste, i teatri, il ballo, il canto
mi potrian consolar, s'io vivo in pianto.
l'incauto amante e il giocator per vizio.
                               Obbediente
                                                           Anch'io
                                         Basta, non voglio
Qual disgrazia è accaduta a don Pacchione?
                                  Per me non parlo.
                                                  Tacete. Io peno
                                     Porgete a me quel foglio.
                                          Potrei frattanto
                                     Se mi permette...
                                                Voi stamane
                                             Saper vorrei
                                           Oh vita mia!
                        Era buono?
                                                Era esquisito.
                                        Era eccellente.
                                         Sì, andiamo tosto.
                                          Assai, assai.
                                       Olà, fermate.
                          Perché?
                                           Perché è veleno.
                                           Tutti.
                                                        Ma come?
L'amor, la stima che ho per voi nel petto
                                          Mi maraviglio,
                                  Ma se mi vogliono
                     Difendervi potete.
Mangiare o non mangiar per me è tutt'uno.
                                       Tutte le porte
                                         Io non m'imbroglio.
                                             No, non voglio.
soffre per cagion vostra un bel tormento.
fra il digiuno e il timor morrà da vero.
dir: «Le donne son furbe e menzognere».
ma non mi basta ancor. Mi piace il gioco.
                                 Sì, disponete
del mio amor, di mia fé, che vostra io sono.
                                          Tutto vi dono.
                                   Mi giunge nuovo,
                               (Ha da cascar, se fosse
                                              (Ma non posso
                                            Non giova al mondo
                                     (Or viene il buono). (Da sé)
Senza frutto il mio cuor si strugge in pianto.
                                       Voi che d'Erminia
                                           A voi s'aspetta...
                                         No, mi tormenta
                                            (Oh cieli! Uniti
                                     La vostra mano
               (Oh cieli! Io non l'avea veduta). (Da sé)
                                        Più non lo curo.
                                  Di lei non cerco.
                                      Sì, volentieri.
                                              (Insulti ed onte
                                 (Potea lasciar d'amarmi
senza farmi arrossir, senza oltraggiarmi).
di vendetta lo sfogo ed il pretesto). (Da sé)
                                                  Lo sdegno
                                        E chi vi brama?
Artimisia è per voi, ch'è scaltra e audace.
                                        Il cielo dunque
l'un per l'altro non fece il nostro cuore.
Artimisia, egli è ver, fuor di me stesso
vuo' cantar, vuo' ballar, vuo' far per gioco
conduceteli qui, non ritardate). (Piano a don Ramerino e Rosalba senza che il cavaliere s’avveda)
                                                 (Ecco Artimisia;
                                     (No, v'ingannate.
(Presto, il medico, presto, ed il cerusico).
Par un che persi abbia i denari al gioco).
                                     Con chi parlate?
                                 Oh pazzo maladetto!
                                                 (A poco a poco
                                           Oh dei! Non siete
                                          No, ve l'ho detto.
                                              È una tiranna
Artimisia, il mio ben... voi siete quella.
                                 Eh giuro al cielo.
voi fate del mio cuor scherno e strapazzo,
                                   Chi son costoro?
(Questa scena per mille io non darei). (Il medico e il cerusico s’accostano al cavaliere)
Il polso? Andate via, non son malato. (Il medico gli vuol tastare il polso)
signor dottor, che impertinenza è questa?
Vi do or or qualche cosa in su la testa. (Il cirusico colla lancetta accenna dovergli cavar sangue)
                                             Oh che pazzia!
                                       Sì, vi conosco,
                                      Presto, presto.
quattro libbre di sangue dal cervello. (Il medico ed il chirurgo si vanno accostando per fermarlo e così gli altri ancora mentre egli dice l’aria seguente)
                                                Avvelenarmi.
                                               Se Artimisia
                                  Cos'è accaduto?
                                         Mi duol davvero
ma il mio caso del suo più strano i' veggio
                                     Né io per certo.
Del mal d'altri non rido, io ve l'accerto.
se non ridono affé, mi pare assai). (Da sé)
                                  Con chi parlate?
                                     E chi son io?
                                    E ben chi sono?
(Non vel dissi che è pazzo il poverello).
                                      (No, non si ride,
                                                 Oh che pazzia! (Tutti tre ridendo)
recato ho al vostro cuor qualche tormento.
                                      Eh via, nipote,
mi ha schernito, mi ha offeso e mi tradì.
Dite a Celindo che l'aspetto qui. (Al paggio che parte)
                                        Sì nipotina,
                                           Eccolo.
                                                          Io parto.
(Vuo' che faccian la pace a lor dispetto).
                                       Celindo caro,
chi mi apprezza e mi stima a questo segno.
                               E perché no?
                                        (Oimè, che tenta?)
                                 Che debil cuore!
scherza Artimisia e noi pone in scompiglio.
                                       Dice che a tutti
                                      Pazzo è il meschino.
giochiam pure, ma presto, perché ho fame.
                                              A un gioco presto.
                                   È vero, il so.
                                              Io non ho fretta. (Siede)
                               No, mio signore.
                                        Se ho scartato.
                                     Son mezzo morto.
                                     Avete inteso?
                                      Ed io l'ho preso. (S’alza)
Ecco il filippo; andiam; son contentissimo.
                                      Obbligatissimo.
                                       Signor no.
mangio con più piacer, con più appetito.
veder gli altri contenti è il mio gran spasso,
quando godono gli altri anch'io m'ingrasso.
                                          No, cavaliere.
                                       Sì, siete quello.
                                    Come?
                                                    Con niente.
                                   Sì signora.
                                      Il ballo ancora.
                                     Un sol patto
                                               Eccolo. È questo.
                                           Tant'è, dovete
                                  Sì lo dirò.
                                              O sì o no;
                                             Io lo dirò.
A tavola ciascun prenda il suo posto. (Agli altri compagni)
                                           Eh sì sentiamo.
                                       Che dirò?
                                         Sì signori.
                         Lo negate?
                                               Eh non lo nego.
                                            Ecco la mano.
                                 Io non prometto invano.
                                          Sì don Pacchione,

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8