Metrica: interrogazione
36 dieresi in Il negligente Venezia, Fenzo, 1749  (recitativo) 
se non ci pensa lui, ci penso io). (Parte)
               Basta, ih ih, che diavol fate?
                                   Ben.
                                              Vedrai
                                    Sì.
                                            E gli darai
               E poi che il testamento io l’ho,
qualche cosa dirò. (Vuol partire)
                                    Ehi, ehi, Pasquino.
Quando trovate aperto e voi entrate!
                                     Ah, ah, v’ho inteso.
tra lei e me non vi puol esser male.
Ma io povera sono e non ho dote.
                          Io stessa
se non ci andate voi ci anderò io.
                                            Gnorsì.
Basta; ne parleremo. Ma io penso,
sottoscritto da voi, un foglio in bianco.
Non lo faccio in due anni. Oh che tormento!
                      È stata lei che ha detto:
Sei stato tu. Colui è un disgraziato, (A Filiberto)
                                        Ma io già peno.
e di voi e di me. Quello che stese
                                     Son tuo marito.
                              È in colera con me?
Giuro ch’io non amai altri che te.