Metrica: interrogazione
37 dieresi in Amor contadino Venezia, Fenzo, 1760  (recitativo) 
Eh t’aiuterò io. (Vuol sollevar egli il fascio da terra)
                               Va’ via di qua. (Lo scaccia, prende il fascio e se lo mette in spalla)
                                            Oh mio benefico,
il sol co’ raggi suoi. Rose e viole
                      Ih! Cosa importa a me? (Filando)
se lo sposo mi vuol, lo piglio io.
                                              Hai tu altro
                                    Non sei padrona?
                                           A te niente.
Eh se’ tu il caro e il sgraziato io sono.
                                    Oh! (Filando fa segno di burlarsi)
                                              Di’ che l’ami.
Io non amo nessuno io. (Filando)
                                             Nessuno?
Figlia d’onesto padre, il cui affetto
Essere io non voglio corbellata. (Torna verso il focolare e si ferma alla metà della stanza)
Che importa a me? (Oh Ciappo traditore!)
Bugie non ne so dire e poi è meglio
Voi usate a trattar da quel che siete. (Con disprezzo)
e nessuno sa dir dove sia ita.
                                                 Nulla, nulla. (Come sopra)
                                       Aiuto, aiuto.
No, non le griderò. Voi avvertite
E voi, andate via. (Ad Erminia)
che vivrete quieta e più tranquilla. (Ad Erminia)
                                             Può esser mai.
                            (Alla sua Lena un torto?)
Fermati, Ciappo mio. (Con ansietà)
                                          Oh dio! Son qui.
Ci ho da essere anch’io. (Alla Lena)
                                              Va’ via di qua. (Spingendo Ciappo con finto sdegno)
Penai, è ver, ma non ho pianto invano.