Metrica: interrogazione
31 dieresi in La cascina Venezia, Geremia, 1756  (recitativo) 
Fa’ quel che farò io colla mia Cecca.
                               Mi vuo’ provare.
Cecca. (S’alza e chiama Cecca)
               Che vuoi? (Alzandosi)
                                    Andiamo via di qua.
Dalla Lisa sen va. (Alla Lena)
                                   (Disgraziato). (Da sé)
               Che cosa vuoi?
                                            Una parola.
                            Vuoi altro?
che non mi vuole amar quella ch’io amo.
Tu sei una buonissima figliuola;
che non vorrei avvelenarmi anch’io.
                                    Ehi, dove andate?
               E poi non ho gridato più.
Sei amante, meschino. È vero?
                                                          È vero.
                                     Io son chi sono.
Son due ore che siamo in questa stanza.
                                             Eh ragazzate!
Resta, Pippo, ove sei; e voi mangiate. (Dà a ciascheduna qualche cosa da mangiare)
Se non mangierai tu, mangierò io.
correre qua e là, pigliar, fuggire?
(Ancora qui costui?) (Da sé)
                                        (Eccolo qui.
                                          Così è.
Bene, quando è così, vado io stesso
possa essere andato. In questo giorno,
                                         Eh malandrino,
                          Che hai? Sei adirata?
e so essere anch’io fido e non fido.