Metrica: interrogazione
73 dieresi in Il pazzo glorioso Venezia, Fenzo, 1753  (recitativo) 
                           E bene?
                                             Ed io col cancaro.
                               Qui strascina un asino.
                                 E poi?
                                                Per sposo
Ma non sono eroina, o padre, ancora.
                           Dagli a quel furfante.
                            Oh signor Flaminio!
così farò un viaggio e due servizi.
Oh mio padrone, tengo l’Ariosto.
Oh fato! Oh gioia mia! Or ti conosco,
E viva sempre. Oh amicon di cuore,
                         Adaggio; non mi piace
E vuoi essere Orlando. Ah padron mio,
s’egli arrivasse alla perfezione
                         Sarebbe un gran scioccone.
condizion per me; so che occultando
                                          Il tutto, o cara,
da me saprai; ecco che già ne viene.
fatemi gloriosa ancor mia figlia.
                                Ah che non basta,
                                              E non sta ella
non vo’ che mia moglie ci dimori.
                                        Ah, temo, o caro,
                                    (Una gran bestia).
Sarai... Basta... Li voglio un gran bene.
«“Chi è costui che sì gran colpi taglia”
                             Un galantomenone.
                                      Non più parole.
mi gratti ove pizica. Son lesto.
                                 O orchi... O porchi... O buffali...
                                            Eh non è tempo
                               Oimè. Son guai.
                                       E ben signora?
                                            Aiuto gente.
ch’io sua moglie son, lui mio marito.
                             E ben che non è vero?
Paris e Viena; a noi animo e core.
Ah ah, quel Pasquariello impertinente
                                           Eh cameriera
contro di voi e vuole in ogni conto
                                 Dentro v’aspetto. (Entra)
vo’ seguir de’ miei avi; il brando invitto
                                           Ora la meriti.
                         O diavolo non vedi
                                                     Piano,
siete del viver mio, di mia quiete,
m’avveggo, errai. Ed or di sdegno acceso
Ah ah mi vien da ridere; sembriamo
che tutt’altro non è che finzione.
Faccia lei, io sarò suo sostituto,
sequestros, providentia et mandatos
quia cadunt crepuscoli et potebimus
Vot taser col diavol pastucchion?
ch’Angelica a s’ chiama ed al so spos
                                Ergo se deve
ch’al sipa castigà e lu e la donna.
No chiù replich, fuss’acciso. Apila
che costui ha di me solo il possesso.
che sono stato io! Mando ora al diavolo
ne resterà com’io a denti asciutti.