Metrica: interrogazione
32 dieresi in I bagni d'Abano Venezia, Fenzo, 1753  (recitativo) 
                                         Sei un briccone,
Tisico voi? Oh che vi porti l’orco.
                                            Due anni or sono...
qualche cosa per voi? (Piano a Violante)
                                          Ma io... credete...
che da tant’anni non fu mai aperta
                                     Avrete inteso
e la mia mente curiosa e franca
prova per voi un amoroso duolo.
                                 A voi presento
Meschino me. (Ritira la testa)
                             Oimè! Sono imbrogliata.
Il diavolo dov’è? (Escindo dal letto)
                                 Eccolo qui. (Si spaventa di lui medesimo)
                   Oimè.
                                 Che cosa è stato?
Là dentro v’ero io steso nel letto.
prendi, brutto cagnaccio. (Dà delle bastonate a Luciano coperto dalle cortine)
                                                Oimè, oimè.
Voglio veder chi è. (Scopre il letto)
                                     Per carità. (Si raccomanda)
                                     Ah che purtroppo
Bella grazia che hai da farti amare.
Tacerò, se potrò? Ho gran paura
                                 Sono il notaro.
                                         Andate via?