Metrica: interrogazione
51 dieresi in La mascherata Venezia, Fenzo, 1751  (recitativo) 
                                            Ma io...
                                                            Se voi
                                       Io... v'adoro...
Nulla, nulla, signore. (Ehi Lucrezia,
                                           (Ehi). (Fa cenno a Lucrezia che non parli)
                                                         Ha pagato
chi l'ha avvezzata sono stato io).
                                    Ehi monsieur,
persuasa del mio vero rispetto
                                          Via, spiegatevi.
ma io per dieci doppie non mi vendo.
in cui ogni virtude alberga e regna,
ma crederei di no. Avremo ancora
Le cose fra di noi aggiusteremo.
                                        Assai, assai.
perché, oltre l'amor, mi dà i denari.
(Ed a me niente? Io non la capisco).
                                  In qual maniera
                                   Brava, brava.
                                          E che figura
fra lui e me discorrerem del resto. (Parte)
siete pur graziosa. (Ad Aurelia)
nualtri no volemo farve lume.
                                         Voi siete sposo
Obregato, monsù, faraggio io.
                                        Voi trovarete
se il modo non vi è da regalare,
perché a voi ho voluto troppo bene.
Due altri zecchinetti e soffro e taccio. (Parte)
                 E poi mostrar il mondo nuovo.
Sì signor, sì signor; e voi ed io.
E con quella e con questa ed io e voi.
                                 Oh me infelice!
                                    Andiamo, andiamo.

Notice: Undefined index: metrica in /var/www/goldoni/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8